RECITIAMO IL ROSARIO

MISTERI DELLA GIOIA – Lunedì e sabato

Misteri della Gioia.

Per ogni Mistero si possono cercare delle immagini da far vedere ai bambini, con le scene e i personaggi del tempo dell’Avvento e del Natale (es. statuine del Presepe, immagini di Gesù Bambino, di Maria, dell’Angelo, di Elisabetta…).

Si inizia con il segno della Croce.

G. O Dio vieni a salvarmi.

Signore, vieni presto in mio aiuto.

G. Gloria al Padre e al Figlio e allo Spirito Santo.

Come era nel principio e ora e sempre nei secoli dei secoli. Amen.

L’annunciazione

G. Primo mistero della gioia:

l’angelo annuncia a Maria la nascita di Gesù.

Lett. Dal Vangelo secondo Luca (1,26-28.30-31)

L’angelo Gabriele fu mandato da Dio in una città della Galilea, chiamata Nàzaret, a una vergine, promessa sposa di un uomo della casa di Davide, di nome Giuseppe. La vergine si chiamava Maria. Entrando da lei, disse: «Rallégrati, piena di grazia: il Signore è con te». L’angelo le disse: «Non temere, Maria, perché hai trovato grazia presso Dio. Ed ecco, concepirai un figlio, lo darai alla luce e lo chiamerai Gesù».

Intenzione di preghiera

Lett. Preghiamoper le coppie che desiderano un figlio e per quelle che lo attendono.

Fa’, Signore, che anche in questo tempo difficile le famiglie siano aperte con fiducia al dono della vita, in tutte le sue forme.

Padre nostro, che sei nei cieli, sia santificato il tuo nome, venga il tuo regno, sia fatta la tua volontà come in cielo così in terra.

Dacci oggi il nostro pane quotidiano e rimetti a noi i nostri debiti come noi li rimettiamo ai nostri debitori e non ci indurre in tentazione, ma liberaci dal male. Amen.

(Se ci sono bambini, si possono ridurre le Ave Maria a 5 o a 3…)

Ave, o Maria, piena di grazia, il Signore è con te. Tu sei benedetta fra le donne e benedetto è il frutto del tuo seno, Gesù.

Santa Maria, Madre di Dio, prega per noi peccatori, adesso e nell’ora della nostra morte. Amen.

Gloria al Padre e al Figlio e allo Spirito Santo.

Come era nel principio e ora e sempre, nei secoli dei secoli. Amen.

La visitazione

G. Secondo mistero della gioia:

Maria fa visita alla cugina Elisabetta.

Lett. Dal Vangelo secondo Luca (1,39-40. 41b-42.45)

In quei giorni Maria si alzò e andò in fretta verso la regione montuosa, in una città di Giuda. Entrata nella casa di Zaccaria, salutò Elisabetta. Elisabetta fu colmata di Spirito Santo ed esclamò a gran voce: «Benedetta tu fra le donne e benedetto il frutto del tuo grembo! E beata colei che ha creduto nell’adempimento di ciò che il Signore le ha detto».

Intenzione di preghiera

Lett. Preghiamo per le persone ammalate, i bambini, gli anziani.

Dona, Signore, a chi ha bisogno di attenzione e di cura, l’esperienza della visita e della consolazione che porta, nella fatica di questo tempo, il sollievo della condivisione.

Padre nostro. Ave Maria. Gloria.

La nascita di Gesù

G. Terzo mistero della gioia:

Gesù, il Figlio di Dio, nasce dalla Vergine Maria.

Lett. Dal Vangelo secondo Luca (2,1.4a.6-7)

In quei giorni un decreto di Cesare Augusto ordinò che si facesse il censimento di tutta la terra. Anche Giuseppe, dalla Galilea, dalla città di Nàzaret, salì in Giudea alla città di Davide chiamata Betlemme. Mentre si trovavano in quel luogo, si compirono per [Maria] i giorni del parto. Diede alla luce il suo figlio primogenito, lo avvolse in fasce e lo pose in una mangiatoia, perché per loro non c’era posto nell’alloggio.

Intenzione di preghiera

Lett. Preghiamo per coloro che in questo tempo hanno subìto la perdita di una persona cara.

Dona, Signore, alle famiglie colpite dal lutto di poter scorgere quei segni di luce e di vita che il tuo amore provvidente non fa mancare.

Padre nostro. Ave Maria. Gloria.

La presentazione al tempio

G. Quarto mistero della gioia:

Maria e Giuseppe presentano Gesù al tempio.

Lett. Dal Vangelo secondo Luca (2, 22b.25a.27-28)

Portarono il bambino a Gerusalemme per presentarlo al Signore. Ora a Gerusalemme c’era un uomo di nome Simeone. Mosso dallo Spirito, si recò al tempio e, mentre i genitori vi portavano il bambino Gesù, anch’egli lo accolse tra le braccia e benedisse Dio.

Intenzione di preghiera

Lett. Preghiamo per gli operatori sanitari e per coloro che si dedicano al bene di tutti.

Benedici, Signore, chi opera con dedizione e competenza per la cura delle persone e illumina le menti di chi lavora nella ricerca scientifica per sconfiggere questo virus e le altre malattie.

Padre nostro. Ave Maria. Gloria.

Il ritrovamento di Gesù al tempio

G. Quinto mistero della gioia:

Maria e Giuseppe ritrovano Gesù nel tempio, fra i dottori.

Lett. Dal Vangelo secondo Luca (2,41-42.46.48-49)

I genitori di Gesù si recavano ogni anno a Gerusalemme per la festa di Pasqua. Quando egli ebbe dodici anni, vi salirono secondo la consuetudine della festa. Dopo tre giorni lo trovarono nel tempio, seduto in mezzo ai maestri, mentre li ascoltava e li interrogava. Al vederlo restarono stupiti, e sua madre gli disse: «Figlio, perché ci hai fatto questo? Ecco, tuo padre e io, angosciati, ti cercavamo». Ed egli rispose loro: «Perché mi cercavate? Non sapevate che io devo occuparmi delle cose del Padre mio?».

Intenzione di preghiera

Lett. Preghiamo per chi vive l’angoscia della difficoltà economica e dell’incertezza del lavoro.

Dona, Signore, forza e speranza a chi cerca aiuto e sostegno per provvedere a sé e ai propri cari.

Padre nostro. Ave Maria. Gloria.

Salve, Regina

Salve, Regina, madre di misericordia, vita, dolcezza e speranza nostra, salve. A te ricorriamo, esuli figli di Eva; a te sospiriamo, gementi e piangenti in questa valle di lacrime. Orsù dunque, avvocata nostra, rivolgi a noi gli occhi tuoi misericordiosi. E mostraci, dopo questo esilio, Gesù, il frutto benedetto del tuo seno. O clemente, o pia, o dolce Vergine Maria!

Litanie lauretane

Si possono recitare le seguenti Litanie:

Signore, pietà

Signore, pietà

Cristo, pietà

Cristo, pietà

Signore, pietà.

Signore, pietà.

Cristo, ascoltaci.

Cristo, ascoltaci.

Cristo, esaudiscici.

Cristo, esaudiscici.

Padre del cielo, che sei Dio, 

abbi pietà di noi.

Figlio, Redentore del mondo, che sei Dio, 

abbi pietà di noi.

Spirito Santo, che sei Dio, 

abbi pietà di noi.

Santa Trinità, unico Dio,

abbi pietà di noi.

Santa Maria, 

prega per noi.

Santa Madre di Dio,

Santa Vergine delle vergini, 

Madre di Cristo, 

Madre della Chiesa, 

Madre della divina grazia, 

Madre purissima, 

Madre castissima, 

Madre sempre vergine, 

Madre immacolata, 

Madre degna d’amore, 

Madre ammirabile, 

Madre del buon consiglio, 

Madre del Creatore, 

Madre del Salvatore, 

Madre di misericordia, 

Vergine prudentissima, 

Vergine degna di onore, 

Vergine degna di lode, 

Vergine potente, 

Vergine clemente, 

Vergine fedele, 

Specchio della santità divina, 

Sede della Sapienza, 

Causa della nostra letizia, 

Tempio dello Spirito Santo, 

Tabernacolo dell’eterna gloria, 

Dimora tutta consacrata a Dio, 

Rosa mistica, 

Torre di Davide, 

Torre d’avorio, 

Casa d’oro, 

Arca dell’alleanza, 

Porta del cielo, 

Stella del mattino, 

Salute degli infermi, 

Rifugio dei peccatori, 

Consolatrice degli afflitti, 

Aiuto dei cristiani, 

Regina degli Angeli, 

Regina dei Patriarchi, 

Regina dei Profeti, 

Regina degli Apostoli, 

Regina dei Martiri, 

Regina dei veri cristiani, 

Regina delle Vergini, 

Regina di tutti i Santi, 

Regina concepita senza peccato originale, 

Regina assunta in cielo, 

Regina del santo Rosario, 

Regina della famiglia, 

Regina della pace.

Agnello di Dio, che togli i peccati del mondo,

perdonaci, Signore.

Agnello di Dio, che togli i peccati del mondo,

esaudiscici, Signore.

Agnello di Dio, che togli i peccati del mondo,

abbi pietà di noi.

Prega per noi, Santa Madre di Dio,

e saremo degni delle promesse di Cristo.

Preghiera a Maria

Si può recitare la seguente preghiera di papa Francesco.

O Maria, Tu risplendi sempre nel nostro cammino come segno di salvezza e di speranza.

Noi ci affidiamo a Te, Salute dei malati, che presso la croce sei stata associata al dolore di Gesù, mantenendo ferma la tua fede. 

Tu, Salvezza del popolo di Dio, sai di che cosa abbiamo bisogno e siamo certi che provvederai perché, come a Cana di Galilea, possano tornare la gioia e la festa dopo questo momento di prova. 

Aiutaci, Madre dell’amore, a conformarci al volere del Padre e a fare ciò che ci dirà Gesù, che ha preso su di sé le nostre sofferenze e si è caricato dei nostri dolori per condurci, attraverso la croce, alla gioia della risurrezione. Amen. 

Sotto la tua protezione cerchiamo rifugio, Santa Madre di Dio. Non disprezzare le suppliche di noi che siamo nella prova, e liberaci da ogni pericolo, o Vergine gloriosa e benedetta.

Conclusione del Rosario

G. O Dio, che nell’incarnazione del tuo Figlio hai allietato il mondo intero, concedi a noi che veneriamo Maria, causa della nostra letizia, di camminare costantemente nella via dei tuoi precetti e di tenere fissi i nostri cuori dove è la vera gioia. Per Cristo nostro Signore.

Amen.

Mentre si dicono le parole seguenti, ci si fa il segno della Croce:

G. Il Signore risorto ci guidi nel cammino di Pasqua, ci benedica, ci protegga e ci custodisca nel suo amore.

Amen.

Oppure si conclude con la Benedizione della famiglia.

Ci si fa il segno della Croce e i genitori o i familiari possono tracciare un segno di croce sulla fronte dei bambini.

G. Ti benediciamo, Signore, perché hai voluto che il tuo Figlio fatto uomo appartenesse a una famiglia umana e, crescendo nell’ambiente familiare, ne condividesse le gioie e i dolori.

Guarda questa tua famiglia sulla quale invochiamo il tuo aiuto: proteggila e custodiscila sempre perché, sostenuta dalla tua grazia, viva nella prosperità e nella concordia e, come piccola Chiesa domestica, testimoni nel mondo la tua gloria. Per Cristo nostro Signore.

Amen.